Oggi il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali ha firmato il decreto che fissa le modalità di attribuzione dell’indennità di 600 €, prevista dal decreto Cura Italia, per il mese di marzo per i professionisti con cassa.

Per questa categoria, così come per gli agenti di commercio (dopo le iniziali smentite che dava questi ultimi ammessi al bonus dall’INPS), verrà utilizzato il Fondo per il reddito di ultima istanza, con stanziamenti limitati.

Nel decreto, secondo quanto si apprende da fonti giornalistiche specializzate, vengono stabiliti i criteri di erogazione dell’indennità.
Il bonus dovrà essere richiesto dal professionista alla propria cassa e verrà erogato sulla base del reddito dell’anno 2018, in quanto è l’ultimo anno per il quale è stata presentata ad oggi la dichiarazione dei redditi.

Sulla base del decreto avranno diritto al bonus i professionisti che nell’anno 2018 hanno percepito un reddito complessivo non superiore ad euro 35.000 oppure il cui reddito complessivo sia ricompreso tra i 35.000 ed i 50.000 € e che abbiano accusato una riduzione della propria attività per almeno il 33% nel primo trimestre del 2020 rispetto al 2019.

Queste sono le prime delucidazioni in merito fornita dal Ministro Catalfo che afferma di essere al lavoro per nuove misure che verranno inserite nel decreto
del mese di aprile.

Photo credit: Bindalfrodo on Visualhunt / CC BY-SA