Proroga del divieto di fatturazione elettronica per le prestazioni sanitarie

Con il decreto Milleproroghe del 28 dicembre 2023, il Governo ha prorogato per tutto il 2024 il divieto di emissione di fattura elettronica per le sole prestazioni sanitarie erogate a persone fisiche.

Tale divieto, che era inizialmente previsto solo per il periodo d’imposta 2019, è stato via via prorogato per il 2020, il 2021, il 2022, il 2023 ed ora anche per il 2024.

A titolo indicativo e non esaustivo rientrano tra gli esclusi dell’emissione di fattura elettronica per le prestazioni sanitarie a persone fisiche le seguenti categorie:

  • Soggetti iscritti all’Albo dei medici chirurghi e degli odontoiatri;
  • Iscritti agli Albi professionali degli psicologi;
  • Iscritti agli Albi professionali degli infermieri;
  • Soggetti iscritti negli Albi professionali dei tecnici sanitari di radiologia medica;
  • Esercenti l’arte sanitaria ausiliaria di ottico;
  • Iscritti agli Albi professionali delle ostetriche/i;
  • Fisioterapisti;
  • Logopedisti;
  • Massaggiatori capo bagnino degli stabilimenti idroterapici (Mcb)

Pertanto, per le prestazioni sanitarie erogate a persone fisiche nel 2024, si dovrà continuare ad emettere le fatture cartacee, come avvenuto negli anni precedenti. Permane l’obbligo di emissione di fattura elettronica in caso di fatture emesse ad enti e soggetti IVA.

Anche l’invio dei dati al Sistema Tessera sanitaria rimane semestrale anche per tutto il 2024.

Restiamo a disposizione per qualsiasi ulteriore informazione.