Articoli

Il Bonus per l’acquisto e l’installazione di sistemi di filtraggio, mineralizzazione, raffreddamento e addizione di anidride carbonica alimentare E 290, per il miglioramento qualitativo delle acque destinate al consumo umano erogate da acquedotti è un bonus previsto dalla Legge 30 dicembre 2020 n. 178 “Legge di Bilancio per il 2021”.

Il credito d’imposta è del 50% della spesa sostenuta fino a un ammontare massimo non superiore, per le persone fisiche non esercenti attività economica, a 1.000 euro per ciascuna unità immobiliare e, per gli altri soggetti, a 5.000 euro per ciascun immobile adibito all’attività’ commerciale o istituzionale.

Vi è poi un limite massimo di spesa previsto per gli anni 2021 e 2022 di 5 milioni di euro annui. Questo significa che, se ci saranno richieste per un importo totale superiore, l’importo verrà attribuito in proporzione tra le domande pervenute.

Continua a leggere

Il mese di maggio 2021 ha molte scadenze fiscali.

 

In particolare prevede, oltre ai consueti adempimenti, la ripresa delle notifiche degli atti accertativi e di pagamento sospesi nei mesi precedenti e la ripresa dei versamenti derivanti da accertamenti e cartelle di pagamento sospesi da più di un anno per via della particolare situazione creatasi.

E’ tuttavia possibile che il decreto la cui emanazione è prevista nel mese di aprile possa apportare modifiche ad alcune tra le scadenze sotto elencate.

 

Ecco le principali scadenze fiscali di maggio 2021 ad oggi calendarizzate:

Continua a leggere

Visti i blocchi degli ultimi giorni al sito del Sistema Tessera Sanitaria che hanno causato l’impossibilità di effettuare le trasmissioni dei dati, il Direttore dell’Agenzia delle Entrate ha emanato un provvedimento di proroga di 8 giorni della scadenza dei termini dell’invio dei dati al STS.

Continua a leggere

Il mese di febbraio si presenta ricco di adempimenti e pagamenti soprattutto per chi ha un’attività in proprio.

Ecco quindi le principali scadenze fiscali del mese:

 

1 febbraio 2021

Continua a leggere

Con due provvedimenti il Direttore dell’Agenzia delle Entrate ha disposto delle nuove modalità riguardanti le comunicazioni da effettuarsi al Sistema Tessera Sanitaria ed all’Anagrafe Tributaria a seguito delle modifiche alle detrazioni fiscali legate alla tracciabilità.

Continua a leggere

Dal 1 luglio sarà operativa la norma che prevede un credito d’imposta sulle commissioni per le transazioni elettroniche per gli esercenti ed i professionisti.

Si tratta di una disposizione volta a contrastare l’evasione fiscale, scoraggiando l’utilizzo dei contanti.

Continua a leggere

Studio Commercialista rag. Gili - Novara

Con la Risoluzione n. n. 46/E del 18 aprile scorso l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che la mancata o tardiva trasmissione all’Enea delle informazioni sui lavori di ristrutturazione che comportano risparmio energetico non fa venir meno il beneficio della detrazione fiscale.
Le Entrate, condividendo un parere espresso dal MISE, precisano che la trasmissione all’ENEA delle informazioni concernenti gli interventi edilizi che comportano risparmio energetico, seppure obbligatoria per il contribuente, non determina, qualora non effettuata, la perdita del diritto alla detrazione per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio, attualmente e fino al 30 dicembre 2019 pari al 50% della spesa.
L’adempimento, chiariscono le Entrate, è richiesto al fine di monitorare e valutare il risparmio energetico conseguito; la trasmissione delle informazioni, pertanto, non riguarda tutti gli interventi ammessi alla detrazione, ma solo gli interventi edilizi e tecnologici che comportano risparmio energetico e/o utilizzo delle fonti rinnovabili. Non vanno, invece, trasmesse le informazioni relative agli altri interventi che, ancorché ammessi alla detrazione non comportano risparmio energetico.

Studio Commercialista rag. Gili - Novara

Si ricorda che il prossimo 28 febbraio scade il termine per i soggetti passivi Iva per l’invio della comunicazione dei dati delle liquidazioni periodiche IVA effettuate nel quarto trimestre del 2018.
La comunicazione deve essere presentata esclusivamente in modalità telematica, direttamente dal contribuente o tramite intermediario abilitato, utilizzando il modello disponibile sul sito internet dell’Agenzia Entrate “Comunicazione liquidazioni periodiche IVA “.